Pizza al taglio “del panettiere”

23 settembre 2010 at 09:26 8 commenti


Questa pizza vuole assomigliare a quella che compriamo dal panettiere. Dovrebbe cioè risultare morbida poichè non è detto che venga venduta subito calda ma più probabilmente sarà consumata fredda e tempo dopo la cottura. Perciò se facciamo una pizza croccante quando sarà fredda probabilmente sarà dura. Se invece è troppo alta rischiamo che consumandola molto tempo dopo la cottura diventi gommosa o se troppo bassa che diventa secca. E allora ecco spiegato perchè ho deciso di fare una pizza non troppo alta ma nemmeno troppo bassa. Una pizza morbida che mantenga sufficiente umidità per più ore così da poter essere anche riscaldata tempo dopo la cottura senza che secchi. Io c’ho provato e il risultato è stato davvero soddisfacente infatti il giorno dopo era ottima, quasi più buona che appena fatta. 🙂

Ingredienti:

  • 300 g di farina 00
  • 200 g di farina manitoba
  • 1 bustina di lievito secco o 1 cubetto fresco
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaio d’olio e 1 di malto
  • passata di pomodoro
  • mozzarella

Farcitura a piacere:

  • prosciutto e carciofini
  • acciughe, capperi e olive

Ovviamente essendo una pizza a lunga maturazione ci vuole tempo e un pò di pazienza perchè bisogna cominciare la sera precedente.

 Ore 21,00: La sera prepariamo il lievitino. Mescoliamo le due farine e ne versiamo in una ciotola 250g.  Aggiungiamo il malto, l’olio e 250 cc di acqua. Giriamo con un cucchiaio per amalgamare bene gli ingerdienti. Copriamo con della pellicola e lasciamo in forno spento.

Ore 08,00: Al mattino aggiungiamo la restante farina e cominciamo ad impastare. Aggiungete tendenzialmente un bicchiere d’acqua ma ovviamente dipende da quanta ne assorbe l’impasto. Dobbiamo arrivare ad ottenere un impasto omogeneo e sodo ma non troppo. Copriamo nuovamente con la pellicola e mettiamo in frigorifero.

Ore 16,00: Tiriamo fuori dal frigorifero l’impasto e lasciamo nel forno spento per 1 ora.

 Ore 17,00: Lasciato all’impasto il tempo di ambientarsi al clima di casa passiamo alle pieghe. Questo procedimento fà in modo che l’impasto incorpori aria e perciò rimanga soffice.

Rovesciamo l’impasto su una spianatoia ben infarinata con farina di grano duro e diamo all’impasto la forma di un rettangolo.

A questo punto portiamo prima un lato e poi l’altro verso il centro fino a sovvrapporli. Facciamo appunto le pieghe. 🙂

Portiamo i 4 angoli al centro, capovoltiamo il panetto e diamo la forma a sfera. Copriamo a campana per 2 ore con una bacinella o un contenitore.

Ore 19,00: Standiamo l’impasto con  l’aiuto delle sole  mani in una teglia rettangolare leggermente unta. Distribuiamo la salsa di pomodoro, la mozzarella che deve essere tagliata a piccoli dadini e tutte le farciture che preferiamo. Io in questo caso ne ho farcita metà con prosciutto e carciofini e l’altra metà con olive, acciughe e capperi. Lasciamo lievitare ancore per 1 ora circa. Il motivo per il quale và condita subito con tutti gli ingredienti e poi lasciata ancora un po’ a lievitare stà appunto nel fatto che essendo il condimento pesante e molto ricco fà si che l’impasto non gonfi troppo ma permette al pomodoro con la mozzarella di trattenere l’umidità e non farla evaporare.

Ore 20,00: Finalmente la nostra pizza è pronta per essere infornata. Portiamo il forno a 200° con un pentolino d’acqua all’interno e quando è in temperatura inseriamo la pizza. Dopo 5 minuti abbassiamo a 180° e continuiamo la cottura . Togliamo il pentolino d’acqua solo gli ultimi 5 minuti. La cottura in totale dovrebbe durare all’incirca 20/25 minuti ma ovviamente dipende sempre dal forno. Sforniamo la pizza, poniamola su un tagliere e ovviamente lasciamo raffreddare. Appena si intiepidisce possiamo porzionare e mangiare. Provatela e poi ditemi se non vi sembra di averala comprata dal panettiere. Ah ovviamente un buon panettiere! 🙂

P.S. Mi raccomando quando la farcite state vicino ai bordi della teglia con tutti gli ingredienti perchè appunto la pizza del panettiere non ha bordo o cornicione ma è ben amalgamata con tutti gli ingredienti senza che si formi il bordo ai lati.

Entry filed under: Pane, pizze e focacce, Uncategorized. Tags: , , , , , , .

Muffin salati prosciutto e scamorza Focaccia al rosmarino

8 commenti Add your own

  • 1. sabrina  |  27 gennaio 2013 alle 15:15

    Ciao lalla deve essere molto buona la vorrei fare per il compleanno di mio figlio solo che la pizza deve essere pronta per le ore 16quando inizia la festa…e quindi mi conviene prepararla un giorno prima ho si puo cambiare l orario d inizio del lievitino?

    Rispondi
    • 2. lalloz  |  29 gennaio 2013 alle 08:29

      Ciao puoi cambiare l’ora di inizio preparazione tieni conto che deve maturare dalle 10 alle 14 ore, buona pizza e auguri a tuo figlio

      Rispondi
  • 3. Enza  |  1 gennaio 2014 alle 21:56

    che bella!! scusa posso farti una domanda ma con questo impasto posso fare anche la pizza di scarole? ah e poi il malto posso sostituirlo con lo zucchero? ciao e ancora complimenti 🙂

    Rispondi
    • 4. lalloz  |  2 gennaio 2014 alle 10:43

      Ciao il malto lo puoi sostituire con il miele, e con questo impasto puoi usare tutti i condimenti da te preferiti.
      Grazie dei complimenti ciao e buona pizza

      Rispondi
  • 5. ena  |  1 gennaio 2014 alle 22:52

    per quante volte dobbiamo fare le pieghe?

    Rispondi
  • 6. enza  |  10 gennaio 2014 alle 22:12

    ciao senti…io ho preparato il lievitino stasera ma adesso mi è sorto un dubbio ma il lievito e il sale quando vanno aggiunti all’impasto? perchè io li ho aggiunti stasera nel lievitino..oddio! ho combinato un guaio?

    Rispondi
    • 7. lalloz  |  11 gennaio 2014 alle 08:19

      Ciao il lievito va aggiunto ma il sale sarebbe meglio aggiungerlo il mattino, ma non ti preoccupare non e un guaio vedrai che verrà una pizza fantastica fammi sapere.
      Ciao buona pizza…………

      Rispondi
  • 8. enza  |  11 gennaio 2014 alle 09:05

    okkei grazie milleeeeeeeeee!! gentilissima e scusa per tutte uqeste domande…senti ma è normale che stamattina ho aggiunto la restante farina e un bicchiere di acqua e l’impasto è moooolto molliccio? cioè praticamente con le mani non si riesce a lavorare bene? ciao e scusa ancora xD

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Calendario

settembre: 2010
L M M G V S D
« Lug   Ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Numero di visitatori

  • 1,323,662 visite

Articoli Recenti

Licenza Creative Commons
La cucina di Lalla by https://lacucinadilalla.com/ is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at lacucinadilalla.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at https://lacucinadilalla.com/.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: