Archive for Maggio, 2010

Cocottine di melanzane

Ingrdienti:

  • 1 melanzana
  • passata di pomodoro
  • 1 mozzarella
  • parmigiano
  • basilico, aglio, olio evo
  • pasta tipo penne piccole

Mettere a cuocere il pomodoro con uno spicchio d’aglio e dell’olio. Nel frattempo tagliamo la melanzana a fette sottili. In una padella antiaderente ben calda cuocere le melanzane da entrambi i lati ungendole leggermente. Se poi volete farle più gustose, anche se più pesanti, potete usare le melanzane fritte. Cuocere la pasta e scolarla al dente, metterla in una capiente ciotola e lasciare raffreddare. Lasciare raffreddare anche il pomodoro che a questo punto sarà cotto.

Ora che abbiamo tutti gli ingredienti pronti possiamo cominciare a comporre le cocottine. Alla pasta aggiugiamo il pomodoro, non tutto però, teniamone da parte un pò che servirà come guarnizione del piatto. Aggiungiamo anche la mozzarella tagliata a dadini, il parmigiano grattugiato e abbondante basilico tritato. Ora prendiamo le cocottine, vanno benissimo quelle di alluminio usa e getta, e adagiamo le melanzane a croce. Poniamo la pasta fino a riempire e chiudiamo ripiengando sulla pasta le parti eccedenti di melenzana. Cospargere con il parmigiano e infornare a 180° per 15-20 minuti.

Sforniamo le coccotine e lasciamole riposare per qualche minuto. Su un piatto stendiamo un velo di pomodoro con un cucchiaio quindi capovolgiamo la cocottina adagiandola sul pomodoro. Spolveriamo con del parmigiano e serviamo caldo. Come tutte le paste al forno però, se lasciata raffreddare nel suo contenitore, è ottima anche il giorno dopo riscaldata, quasi può buona che appena fatta. 🙂 

7 Maggio 2010 at 22:23 Lascia un commento

Pane senza impasto (lievito madre)

Questo tipo di pane è di facile esecuzione poichè nel farlo occore poca manualità, bisogna solo rispettare i tempi di lievitazione. Può quindi essere un buon passo per cominciare a fare il pane in casa.

Ingerdienti:

  • 200g di lievito madre
  • 300g di farina manitoba
  • 200g di farina di grano duro rimacinata
  • 1 cucchiaio di malto
  • 2 cucchiaini di sale
  • 350 cc di acqua

 

 

Sciogliere il lievito nella metà dell’acqua, aggiungere il malto e il sale. Prendere una capace bacinella e mettere le 2 farine, il lievito e la restante acqua. Con un cucchiaio di legno cominciare a mescolare energeticamente. Continuare a mescolare per qualche minuto fino a che tutti gli ingredienti saranno amlgamati. Questa operazione non si può fare con le mani perchè il composto risulta molto molle ed appicicoso. Nelle foto potete vedere a sinistra com’era la sera appena fatto e a destra come si presentava al mattino seguente, con tutte le bollicine.

Al mattino prendere l’impasto e rovesciarlo su una spianatoia ben infarinata (farina di grano duro) e aiutandosi con una spatola portate tutti i 4 lati al centro. Prendere uno strofinaccio ed infarinarlo molto bene, porre l’impasto con la parte aperta rivolta sotto, chiudere i 4 lembi dello staccio senza stringere, porre in una ciotola e lasciare lievitare per 3-4 ore.

Portare il forno a 250° e inseritevi una pentola di coccio o di ghisa, se non le avete usate pure una di acciaio. Quando la pentola è ben calda tirarla fuori e rovesciare l’impasto al suo interno facendo attenzione a capovolgerlo. Quindi i punti aperti ora saranno verso l’alto. Coprire con il coperchio e fare cuocere per 15/20 minuti. Abbassate a 200° e togliete il coperchio così che anche in superficie si dori bene. Continuare per altri 15/20. Sfornare e lasciare raffreddare, fuori dalla pentola, su una graticola. Questo tipo di  pane risulta di tipo casereccio: molto compatto e a lunga durata. Io nei giorni seguenti ci ho fatto delle ottime bruschette. 🙂

7 Maggio 2010 at 21:43 1 commento

Filetto di maiale in crosta di verdure

Ingredienti:

  • 1 filetto di maiale
  • 2 zucchine
  • 1 carota
  • 1/2 peperone
  • 1 cipollotto
  • 2 fette di pancarrè
  • salvia, rosmarino, timo, aglio

Cominciamo a tagliare le verdure a piccoli cubetti e soffriggiamole per 5 minuti in una padella con olio evo. Nel frattempo in un mixer mettiamo il pane, privato della crosta, e il timo quindi frulliamo bene.

Riuniamo le verdure e il composto di pane in una ciotola ed amalgamiamo, regoliamo di sale e pepe. In una padella facciamo rosolare il filetto con olio e un pezzetto di burro, aggiugiamo  la salvia, il rosmarino e lo spicchio d’aglio. Facciamo fare la crosticina da tutti i lati ci vorranno 8 minuti circa.

Togliamo la carne dalla padella e la adagiamo su un piatto dove avremo messo il composto di verdure. Rotoliamo fino a che le verdure non aderiscono bene e, aiutandoci con le mani, premiamo bene. Mettiamo quindi su una teglia leggermente unta e cuociamo in forno a 180° per 15/20 minuti.

Mentre il filetto cuoce scaldiamo il fondo di cottura, sfumiamolo con il vino bianco, aggiungiamo il roux e cuociamo per 15 minuti. Estraiamo il filetto, lasciamolo raffreddare 5 minuti poi tagliamolo a fette. Irroriamo con la salsa e portiamo in tavola.

7 Maggio 2010 at 21:08 Lascia un commento

Cous-cous di verdure con pollo alla paprika

Ingredienti:

  • 300 g di cous-cous
  • 1 peperone, 2 zucchine, 1/2 cipolla
  • 1 petto di pollo
  • 2 cucchiai di paprika (dolce)
  • 1 cucchiaio di farina 
  • vino bianco

Tagliamo a pezzi il pollo e in una padella antiaderente mettiamo un filo d’olio e rosoliamo il pollo a fuoco vivo. Quando la carne ha assunto un colore dorarto spolveriziamo con la paprika e la farina, mescoliamo e facciamo tostare bene. Aggiungiamo il vino bianco e lasciamo sfumare a fuoco alto. Saliamo, pepiamo e lasciamo cuocere a fuoco dolce per 20 minuti.

Nel frattempo che il pollo cuoce tagliamo le verdure a piccoli pezzi e saltiamole in padella con olio evo a fuoco vivo per 5/8 minuti, saliamo spegnamo. Facciamo rinvenire il cous-cous come scritto sulla confezione. Io però anziche usare l’acqua calda, come di solito dicono le confezioni, uso del brodo di carne o di verdure per coferire al piatto maggior sapore e sapidità. Quando abbiamo tutti gli ingredienti pronti siamo pronti per assemblare il piatto. Per prima cosa mescoliamo le verdure al cous-cous. Quindi impiattiamolo, poniamo il pollo affianco e irroriamo con il suo sugo. Ovviamente ci vorrà dell’harrissa, tipica salsa piccante magrebina, o come faccio io dell’olio piccante. E se volete sedervi sul tappeto con le gambe incrociate a mangiare sul tavolino del salotto con luci soffuse vi sembrerà di essere a Marrakesh. 🙂

 

7 Maggio 2010 at 20:49 1 commento

Frittele di merluzzo

Ingredienti:

  • 200 g di merluzzo già dissalato
  • 150 g di farina 00
  • 1/2 bustina di lievito istantaneo
  • 1 uovo
  • acqua gassata
  • olio per friggere

In una ciotola mettere l’uovo, la farina, il lievito ed amalgamare, aggiungendo anche l’acqua gassata fredda, fino ad ottenere una pastella liscia e fluida. Tagliare il merluzzo già dissalato ma ancora crudo a pezzi molto piccoli e aggiungerlo alla pastella, quindi amalgamare bene. Scaldare abbondante olio e friggere a cucchiaiate evitando di fare frittelle troppo grosse. Quando sono belle gonfie e dorate scolare le frittele su carta assorbente e servire subito calde.

6 Maggio 2010 at 11:32 Lascia un commento

Ciabatta fatta in casa (lievito madre)

Ingredienti:          

  • 200 g lievito madre (“il mio bambino”)  
  • 200 g farina manitoba  
  • 300 g farina 00  
  • 1 cucchiaio di malto  
  • farina grano duro per spolverizare  

   

Sciogliere il lievito madre nell’acqua, disporre le due farine miscelate su di una spianatoia e versare il lievito, il malto, il sale e cominciare ad impastare energeticamente, aggiungere acqua quanta neccesaria a ottenenre un impasto liscio e compatto. Mettere in una ciotola e lasciare lievitare tutta la notte.         

   

   

    Ecco come si presenta l’impasto appena fatto e come dovreste trovarlo il mattino dopo.   

Al mattino prendere l’impasto, porlo sulla spianatoia ben infarinata e dividere in 4. Prendere ognuna delle quattro parti e stenderla un po’ con le mani per formare un rettangolo. Procedere facendo le pieghe: portare un lato verso il centro e sovrapporre anche il lato opposto. Quindi appiattire con le mani fino ad ottenre nuovamente un rettangolo. Rifare il procedimento delle pieghe un’altra volta. Girare l’impasto in modo da portare l’ultimo lato sovrapposto verso il basso. Procede in questo modo con tutti e 4 i pezzi di impasto. Lasciare lievitare coperto da un panno umido per 3-4 ore.      

Le pieghe

Prendere l’impasto ben lievitato e stenderlo con le mani, facendo attenzione a non rompere le bolle al suo interno, fino ad ottenere la classica forma della ciabatta. Quindi infornare a 250° con l’accortezza di posizionare un pentolino con dell’acqua sul fondo del forno. Dopo una decina di minuti abbassare in forno a 200° e completare la cottura. Dovrebbero volerci circa un’altra decina di minuti comunque il pane deve essere ben dorato.

Una volta sfornato questo tipo di pane è molto buono anche caldo. Quando l’aprirete notate l’alveolatura, i buchi tipici della ciabatta che lo rendono così croccante.

Se poi avete in casa del buon salame per farcire la ciabatta non potete nemmeno immaginare quello che assaporerete al primo morso. 🙂

4 Maggio 2010 at 18:30 5 commenti

Stracotto d’asino

Ingredienti:

  • 1kg di asinello
  • 2 carote, sedano, 2 cipolle
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • vino rosso corposo
  • sale e pepe qb

Dal mio macellaio ho avuto la fortuna di trovare l’asinello ma di solito si trova l’asino che ha una carne molto più forte. Nel mio caso non è stato necessario nel secondo caso invece bisogna mettere la carne d’asino a bagno nel vino rosso la sera precedente.

Fate un trito con sedano, carota e cipolla e rosolare in una padella ben calda con un filo d’olio. Quando il soffritto è ben rosolato aggiungete anche la carne e fatela stufare bene. Quindi bagnte con abbondante vino rosso, quasi fino a ricoprirlo. Aggiungiamo anche il concentrato di pomodoro e facciamo evapoare l’alcool del vino a fuoco alto. Saliamo, pepiamo e copriamo. A fuoco basso portiamo a cottura, ci vuole circa un ora e mezza, ovviamente il tempo varia anche in funzione della grandezza dei pezzi di carne. Serviamo lo stracotto con della fumante polenta o del purè di patate.

 

4 Maggio 2010 at 11:32 Lascia un commento

Articoli più recenti


Calendario

Maggio: 2010
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Numero di visitatori

  • 1.639.544 visite

Articoli recenti

Licenza Creative Commons
La cucina di Lalla by https://lacucinadilalla.com/ is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at lacucinadilalla.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at https://lacucinadilalla.com/.