Archive for 17 aprile 2010

Pizza bianca romana “cà mortazza” (lievito madre)

Da quando in casa c’è il mio bambino (lievito madre) non perdo occasione per provare nuove ricette.Questa volta ho voluto provare a fare la pizza bianca romana che non è quella che si  mangia in pizzeria ma si compra dal fornaio bassa croccante ben unta e si farcisce a piacere, ripieno tipico la mortadella. Sono stata molto soddisfatta del risultato: sembrava proprio quella originale, soffice ma croccante e con tanti buchi. Devo dire che il mio bambino non mi delude mai! 🙂        

Ingredienti:       

  • 200 g di lievito madre
  • 200 g di farina manitoba
  • 300 g di farina 00
  • 1 cucchiaio di malto
  • 2 cucchiai di fiocchi di patate
  • 1 cucchiaino di sale
  • 100 cc di latte
  • olio evo e sale grosso

       

Per usare il lievito madre abbiamo imparato che và rinfrescato la sera prima del giorno in cui intendiamo usarlo e poi due volte nella giornata stessa. Cominciamo quindi la sera facendolo sciogliere nel latte. Una volta sciolto il lievito uniamo i fiocchi di patate, il malto e con l’aiuto di una frusta amalgamiamo bene. Sulla spianatoia mettiamo le farine miscelate e versiamo al centro il lievito e un filo d’olio quindi impastiamo bene. Mentre impastiamo aggiungiamo anche il sale e altra acqua. L’impasto deve risultare abbastanza molle ed appiccicoso perciò si farà un pò di fatica ad impastare (infatti quasi tutti lo fanno con la planetaria) ma con un pò di pazienza si riesce. Ungiamo bene la superficie di una ciotola, riponiamo la pasta e lasciamo lievitare tutta la notte.        

la sera

Appena impastato

Il mattino seguente

Al mattino prendiamo l’impasto, lo rovesciamo sulla spianatoia ben infarinata e lo dividiamo in 2 pezzi. Allarghiamo l’impasto con le mani fino ad ottenere un rettangolo. Possiamo iniziare a fare le pieghe: prendiamo i due rettangoli di pasta e lavoriamoli separatamente altrimenti, una volta lievitato, avremmo una pasta troppo grossa. Prendiamo un lato del rettangolo e portiamolo al centro poi l’altro e pieghiamolo sopra. Quindi prendiamo i 4 angoli e portiamoli tutti al centro. Infine capovolgiamo e formiamo una palla che copriremo con pellicola e lasceremo lievitare per 5/6 ore, deve trilplicare il suo volume.        

Le pieghe

Dopo 6 ore dalle pieghe

         

Ora che l’impasto è ben lievitato, come vedete nelle foto ha rotto addiritura la pellicola, con i polpastrelli stendete facendo attenzione e non rompere le bolle d’aria, se no addio fatica! 🙂 Mettete su una pala, ungete abbondantemente, cospargete con il sale grosso pestato e infornate su pietra refrattaria (o leccarda capovolta) per 10 minuti. Trascorsi i dieci minuti accendete il grill e finite la cottura.        

Tagliate in pezzi la pizza e dopo averla aperta farcite con gli affettati e i formaggi che preferite, la farcitura classica è la mortadella. Vi assicuro un successo garantito. 🙂        

        

Particolare dell'interno

Dopo il primo morso finitaaaaaaaaaaaaaaaa

17 aprile 2010 at 15:52 8 commenti


Calendario

aprile: 2010
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Numero di visitatori

  • 1.547.576 visite

Articoli recenti

Licenza Creative Commons
La cucina di Lalla by https://lacucinadilalla.com/ is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at lacucinadilalla.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at https://lacucinadilalla.com/.